IL SERVIZIO FUNEBRE

In questa sezione elenchiamo tutti i passaggi, le attività, gli adempimenti, di cui si compone un servizio funebre, per aiutarvi a comprendere meglio l’esperienza che andrete a vivere. Speriamo così di contribuire, seppure in minima parte, ad una maggiore confidenza e serenità.

Il nostro servizio comincia al momento dell’accoglienza dei famigliari in Agenzia.
Ascoltiamo le vostre esigenze e, in base a queste, Vi proponiamo dei servizi coerenti.
In primis, la tipologia di sepoltura (tumulazione/inumazione/cremazione) e la scelta della locazione cimiteriale.
A seconda del tipo di sepoltura selezioniamo con Voi il Cofano Funebre, il rivestimento interno (tessuto, colore,  forma) e gli accessori (croci, maniglie, piedini, targhetta dei dati) ed infine il tipo di Urna Cineraria.
Si prosegue con gli allestimenti floreali, per i quali possiamo consigliarvi sulla forma e sulla quantità in base alla tradizione e alle vostre disponibilità.
Giunge il momento della scelta della Chiesa e della data della Cerimonia e, ove possibile, verifichiamo in tempo reale la disponibilità.
Segue la programmazione delle Pubblicazioni (epigrafi, necrologi, santini), la cui scelta è favorita dal nostro archivio con varie tipologie di santini, ricordini, dediche e frasi commemorative.
A questo punto è possibile redarre il preventivo dettagliato, comprensivo di tutti i costi dei prodotti, delle lavorazioni e dei documenti obbligatori (autorizzazioni e bolli).
In seguito all’approvazione del preventivo (servizi e costi) da parte del Cliente, viene richiesta la consegna dei dati anagrafici del defunto, della fotografia e degli abiti per la vestizione.
Commiato con i famigliari.
In questa fase vengono predisposte tutte le attività e assolti gli obblighi di legge, fino a completare l’organizzazione dell’evento nei minimi particolari. Rimaniamo comunque sempre a disposizione dei famigliari per rassicurarli sul corretto svolgimento delle procedure e per accogliere eventuali integrazioni ai servizi.
Ci attiviamo per verificare la disponibilità e prenotare i servizi presso il Comune, il Cimitero, la Chiesa e il Parroco.
I nostri operatori si dedicano alla preparazione del cofano, degli addobbi floreali e tutto ciò che serve per l’allestimento della camera ardente.
Il nostro operatore dedicato alla Tanatoprassi si attiva per la preparazione e la vestizione della salma.
A questo punto tutto è pronto per attivare la Camera ardente in relazione al luogo di decesso e alle richieste concordate (Ospedale civile, Istituto privato, Abitazione).
Nel frattempo viene assolto il Disbrigo delle pratiche: viene redatta tutta la documentazione richiesta per la sepoltura della salma, compresa la denuncia di morte e il rilascio dei certificati comunali che serviranno poi ai famigliari per concludere le varie pratiche documentali (INPS, Banca, Posta, etc.).
La fase si conclude con l’affissione delle epigrafi e la pubblicazione dei necrologi.
Giunge il giorno della Cerimonia Funebre.
Viene effettuato il trasporto con furgone aziendale di tutti gli accessori che saranno presenti all’interno e all’esterno della Chiesa, e viene avviato l’allestimento del luogo sacro.
A seguire avviene il trasporto del feretro fino al luogo della cerimonia con autofunebre Mercedes, coadiuvato da quattro necrofori specializzati.
A cerimonia terminata, predisponiamo il trasferimento del feretro al Cimitero per la sepoltura.

Nel momento più adeguato, scelto dalla famiglia del defunto, verrà consegnato al Cliente un Portfolio contenente il Libro delle Firme e gli altri accessori relativi all’evento (documenti e santini).

 

GLOSSARIO DEI TERMINI

A seguire, Vi rendiamo disponibile un sintetico Glossario dei termini tecnici dei quali non sempre conosciamo il significato. Un atto di cura nei vostri confronti, che contribuisce alla chiarezza che ci guida.

ACCERTAMENTO DI MORTE: Il medico necroscopo redige il certificato necroscopico che accerta la morte del defunto. Compilato entro trentasei ore ma non prima di otto ore dalla constatazione del decesso.
ACCESSORI SANITARI: Accessori che, per legge, devono essere presenti all’interno del cofano a seconda del tipo di sepoltura richiesta.(es. Cassa di zinco, valvola depuratrice, materassino assorbiliquidi, barriera biodegradabile sanitaria).
AFFIDAMENTO CENERI: L’urna contenente le ceneri del defunto viene affidata al parente che la conserverà in abitazione privata.
ANNIVERSARIO: Ricorrenza ad un anno dalla scomparsa del caro estinto.
AUTOFUNEBRE: Veicolo speciale utilizzato per il trasporto dei feretri o salme.

BARA: Il contenitore per la salma. (detto anche Cofano Funebre).

CAMERA ARDENTE: Il luogo, all’interno di un abitazione privata, istituto o altro luogo specifico, predisposto per l’esposizione della salma.
Solitamente vengono usati i  paraventi in tessuto per coprire i mobili vicini e creare un certo sfondo, dei candelabri, dei piedistalli per reggere la bara, un crocefisso, un tappeto e il tutto abbellito con addobbi floreali.
CELLETTA CINERARIA: Piccola nicchia dove vengono conservate le ceneri dei defunti.
CELLETTA OSSARIO: Piccola nicchia  dove vengono conservati i resti umani o ceneri.
CINERARIO COMUNE: Luogo per la conservazione indistinta delle ceneri dei defunti.
CIMITERO: Luogo dedicato alla sepoltura dei defunti.
COFANO FUNEBRE: Semplice cassa in legno che contiene il defunto.
COFANO IN ZINCO: Una seconda bara all’interno di quella di legno, è in metallo e al momento della chiusura viene sigillata a caldo o a freddo ed è obbligatoria per tutte le tumulazioni, serve per evitare la fuoriuscita di liquidi.
CONSTATAZIONE DI DECESSO: Certificato rilasciato da qualsiasi medico che abbia prestato assistenza al morente o che sia intervenuto a decesso appena verificato. Attesta quali siano le cause immediate, laddove esse siano riconoscibili, del loro verificarsi, e delle eventuali terapie praticate.
CREMAZIONE: La pratica di ridurre, tramite il fuoco, un cadavere nei suoi elementi base (gas e frammenti ossei). Il feretro viene bruciato nel forno crematorio.

DISPERSIONE CENERI: dopo la cremazione le ceneri della salma saranno sparse nel cinerario comune all’interno del cimitero, o in luoghi appositamente stabiliti dal Comune. Si effettua solo se il defunto ha dichiarato tale volere in vita e si presenta un documento ufficiale che lo attesti.

EPIGRAFE: Annuncio stampato su carta dove con un testo si forniscono principalmente le generalità del defunto e il giorno e l’ora dei funerali. Vengono applicate nelle bacheche predisposte dal comune generalmente sono vicino le chiese e sono a titolo informativo per i passanti della zona.
ESTUMULAZIONE: Rimozione del feretro dal loculo o dalla Tomba di famiglia.
ESUMAZIONE: Rimozione del feretro dal terreno.

FERETRO: L’insieme del cofano funebre assieme al defunto.
FIORI: Composizioni floreali in omaggio al defunto, allestite in ciotole, cuscini, mazzi, muskinet, corone, cuori.
FOTOCERAMICA: Foto del defunto o immagini trasferite su ceramica in modo da garantire una lunga durata nel tempo e resistenza agli agenti atmosferici. Viene applicata sulle lastre dei loculi e sulle tombe.
FRIGO: apparecchio che viene appoggiato ai piedi della bara che produce aria fredda per conservare al meglio la salma nei periodi estivi o se la temperatura della camera ardente è troppo elevata.

IMBOTTITURA: Rivestimento in diversi materiali per abbellire l’interno del cofano, dove viene appoggiato il defunto.
IN DIE SEPTIMA: Ricorrenza a sette giorni dalla scomparsa del caro estinto.
INUMAZIONE: L’atto di seppellire la salma nel terreno.
LAPIDE: Lastra sepolcrale di pietra o marmo con un’iscrizione funeraria o con i semplici dati anagrafici del defunto. Si trovano nei campi di inumazione dei cimiteri e in corrispondenza di ogni fossa.
LOCULO: Nicchia in muratura per la conservazione dei feretri, di norma forniti in concessione dai comuni. Chiusi da una lastra di marmo su cui verranno scritti i dati del defunto e inseriti (per applicazione o incisione) accessori o decorazioni a seconda della scelta dei famigliari.
LUMINO: Accessorio per loculo dove viene allacciata l’illuminazione votiva.
LUTTO:  Il sentimento di intenso dolore che si prova per la perdita di una persona cara.

MANIGLIE: Accessorio per cofano funebre, serve sia da ornamento che ai necrofori per avere una presa migliore nello spostamento del feretro.

NECROLOGIO: Annuncio funebre stampato sul quotidiano locale; generalmente si trova nelle ultime pagine. (viene detto anche Cenno)

OSSARIO COMUNE: Luogo per la conservazione indistinta dei resti umani, all’interno del Cimitero.

PACEMAKER: Apparecchio stimolatore per il cuore, in caso di cremazione deve essere precedentemente rimosso.
PARTECIPAZIONI: Testi pubblicati nel quotidiano locale da parenti o amici che vogliono esprimere la loro vicinanza alla famiglia per la perdita del proprio caro.
PERIODO DI OSSERVAZIONE: Il periodo in cui il cadavere viene mantenuto in condizioni tali da non ostacolare eventuali manifestazioni di vita e durante il quale viene assicurata adeguata sorveglianza. Termina contestualmente al rilascio del certificato necroscopico.

QUADRO: è un’urna cineraria di forma particolare.

RESTI UMANI: Ciò che rimane delle ossa o parti del corpo dati dalla decomposizione dei cadaveri. Attraverso le estumulazioni e inumazioni vengono raccolti in delle appossite cassettine, urne cinerarie o sparsi nell’ossario comune.
RIGOR MORTIS: La rigidità cadaverica che si manifesti sui defunti dopo un certo periodo di tempo dalla morte.
RITO FUNEBRE: Funerale, è un rituale civile o religioso che si celebra in seguito alla morte di una persona.

SANTINI: Generalmente Foto del defunto con dedica e dati anagrafici che vengono consegnati ai famigliari, o alle persone partecipanti alla cerimonia in ricordo del defunto.

TANATOPRASSI: Trattamento estetico delle salme prima delle esequie.
TARGHETTA IN METALLO: Viene applicata sui feretri e urne cinerarie, devono esserci i dati del defunto incisi in modo permanente.
TOMBA DI FAMIGLIA: L’insieme di più loculi o nicchie per la conservazione dei feretri tumulati. Può essere elevata sul terreno (Cappella) o interrata.
Viene data in concessione per un lungo periodo (circa 99 anni) e solitamente all’interno vengono conservate le salme legate da una certa parentela.
TRIGESIMO: Anniversario a trenta giorni dalla scomparsa del caro estinto.
TUMULAZIONE: L’atto di seppellire la salma in loculo o Tomba di Famiglia.

URNA CINERARIA: Contenitore in materiale resistente, infrangibile e chiuso ermeticamente atto a contenere le ceneri dei defunti.

VASCHETTA: Accessorio applicato ai loculi dove vengono messi i fiori.